Incontro allo scientifico del Rutelli con l’autrice Costanza Rizzacasa D’Orsogna

Venerdì 12 novembre gli studenti delle classi 2^A, 2^B, 3^A e una componente di 3^B del Liceo Scientifico “M. Rutelli” di Palermo hanno avuto il piacere di conoscere l’autrice del romanzo “Non superare le dosi consigliate”, pubblicato da Guanda nel 2020.

Anche quest’anno, infatti, nel rispetto delle misure di sicurezza anticovid, nell’Aula Magna dell’l’I.S.S. “M. Rutelli” di Palermo, si è tenuto, come da tradizione, il consueto “Incontro con l’autore”. In questo caso è stata invitata la scrittrice Costanza Rizzacasa D’Orsogna che, nel suo romanzo letto dagli studenti durante il periodo estivo, ha dato voce a tutti coloro che soffrono di disturbi dell’alimentazione. In particolar modo, ha ben rappresentato le vittime del “binge eating disorder”, ovvero disturbo dell’alimentazione incontrollata.

Costanza Rizzacasa D’Orsogna è una scrittrice, giornalista e saggista che lavora per il Corriere della Sera,dove si occupa di letteratura e cultura americane per il supplemento la Lettura. Non superare le dosi consigliate è il suo primo romanzo. Anche l’autrice, come la protagonista Matilde, ha dovuto fare i conti con i disturbi di cui scrive.

Il tema dei Disturbi dell’alimentazione costituisce il motivo centrale del progetto pluridisciplinare di Educazione Civica ideato, per le classi del primo biennio, dalle prof.sse S. Meli e G. Sardo con l’intento condiviso di promuovere il diritto alla salute e al benessere della persona mediante l’accettazione di sé, il rispetto e la valorizzazione delle differenze.

Ed è proprio su questo che si è incentrato l’intervento della Rizzacasa: sul valore della persona al di là dell’immagine, degli stereotipi di perfezione e del giudizio altrui.

L’incontro è stato aperto da un video realizzato da una studentessa di 2^ A, Giorgia, un prodotto multimediale di straordinario impatto emotivo, con immagini, musica e parole tratte dal romanzo e integrate da riflessioni personali sul tema (qui il link https://youtu.be/PYOiCmmUrkI) che la Rizzacasa ha apprezzato al punto da chiederle di portarlo in giro nelle sue presentazioni. Grande la gioia e l’emozione della ragazza e di tutti i presenti.

Nel corso della discussione la scrittrice ha più volte sottolineato l’importanza di rivolgersi alle figure specializzate per chiedere aiuto, rincuorando i ragazzi e dicendo loro che non sono soli. Di fondamentale importanza è l’individuazione del problema in tempi rapidi.

Costanza ha poi invitato gli studenti a inviarle lettere da pubblicare nella rubrica da lei curata per il Corriere. Da parte dei ragazzi l’ascolto è stato attento e partecipato. “Un bel momento di formazione, di quelli che lasciano il segno”, hanno affermato.

A conclusione, il firmacopie nelle rispettive classi per evitare assembramenti, oltre che la sensazione di aver vissuto una bella esperienza da ricordare.

Aggiungiamo dei link che riconducono alla pagina Instagram dell’autrice la quale ha dedicato tre post all’incontro di venerdì.

https://www.instagram.com/p/CWL_EUUMFkh/?utm_medium=copy_link
https://www.instagram.com/p/CWNdqjfMUt6/?utm_medium=copy_link
https://www.instagram.com/tv/CWOiLWhMaBD/?utm_medium=copy_link

Informazioni su Gabriella Sardo 6 Articoli
Laureata in Lettere classiche, insegna italiano e latino ricoprendo la Funzione Strumentale per l’Inclusione e da due anni la funzione strumentale per la Gestione del PTOF; inoltre, è tutor di PCTO occupandosi anche di progetti relativi alla lettura e incontri con gli autori.

Commenta per primo

Lascia un commento