“LA PALESTINA TRA PASSATO E PRESENTE”

CONFERENZA ALL’I.S.S. “M. RUTELLI”- LICEO SCIENTIFICO S. BERNOLDI ED E. BERETTA ARRIGONI, OSPITI “VIRTUALI”

In data 19 febbraio 2021, dalle ore 15.30 alle ore 17.30, Susanna Bernoldi (Responsabile AIFO-IMPERIA, Coordinamento AIFO Liguria-Piemonte) ed Egidia Beretta Arrigoni (Presidentessa della FONDAZIONE “Vittorio Arrigoni Vik Utopia Onlus”) sono state accolte nel nostro Istituto scolastico, in qualità di relatrici, tramite la piattaforma Meet.

Alla conferenza hanno preso parte le classi 1^ ALS, 2^ ALS, 5^ ALS e 1^ BLS insieme alle docenti che hanno curato  gli aspetti geo-storici e culturali del Progetto pluridisciplinare nell’ambito del curricolo di EDUCAZIONE CIVICA che mira a sviluppare competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica, valorizzando l’educazione interculturale e alla pace, nonché il rispetto per le differenze.

L’incontro è stato introdotto dal Dirigente Scolastico Giovanna Ferrari. Hanno moderato gli interventi le docenti coordinatrici del Progetto, prof.ssa M. Rosaria Meli e Gabriella Sardo. Anche S.E. Sig.ra Abeer Odeh, Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario di Palestina in Italia, Rappresentante Permanente presso le Organizzazioni delle Nazioni Unite – FAO, IFAD, WFP, informata dell’iniziativa progettuale, nel dicembre scorso ha fatto pervenire all’Istituto scolastico un video messaggio di saluti e ringraziamenti per l’impegno profuso.

“È molto importante e apprezziamo tantissimo la volontà di far conoscere la Palestina e le sofferenze dei palestinesi sotto occupazione da decenni” – afferma l’ambasciatore.

Il progetto intende, innanzitutto, sensibilizzare riguardo alla questione dei diritti umani e dei doveri di ciascuno.

“Credo che sia di fondamentale importanza conoscere la  legittimità dei diritti palestinesi e le continue sofferenze del popolo palestinese”prosegue S.E. Sig.ra Abeer Odeh.

La prof.ssa S. Bernoldi, da sempre impegnata in varie parti del mondo nella solidarietà e nella formazione delle persone più vulnerabili, ha trattato la Questione Palestinese sotto il profilo storico-sociale e geo-politico con una presentazione corredata di un ricco repertorio di immagini e fotografie.

Con il suo emozionante racconto, la sig.ra Egidia Beretta Arrigoni, ha poi onorato la memoria del figlio Vittorio, morto a Gaza il 15 aprile 2011. Insieme alla figlia Alessandra, ha  costituito la “Fondazione Vik Utopia Onlus” proponendosi di continuare l’azione di impegno civile a servizio del bene comune, dei diritti umani e della giustizia iniziata da Vittorio. Gli scritti e le attività del giovane pacifista a favore dei diseredati incontrati in varie parti del mondo sono oggi una preziosa risorsa.

“Vittorio ci è entrato dentro come un uragano” ha detto, alla fine dei due interventi, lo studente Andrea La Torre in una lettera rivolta alla signora Egidia. “Cos’è in fondo la felicità se non voler lasciare il segno nel Mondo, credendo nel proprio disegno di vita?”. Con queste parole e condividendo un video da lui realizzato sulle note del brano “Credo negli esseri umani” di M. Mengoni, Andrea ha reso quindi omaggio a Vittorio, commuovendo tutti i presenti.

Anche altri studenti e docenti hanno partecipato al confronto con interventi puntuali e profonde riflessioni.

“[…] E la morte cancella ogni passaggio.

Ma il tuo, Vittorio, rimarrà per sempre.

Una vita per dare voce a chi voce non ha.”

sono i versi di una poesia che la prof.ssa Sardo ha dedicato al giovane attivista a conclusione di questa conferenza, nutrita di storia e di memoria, carica di umanità e di speranza.

Il refrain di Vik “Restiamo umani” ci accompagni per sempre”. Questo l’auspicio degli organizzatori e delle relatrici.

Articolo scritto da: M.Rosaria Meli – Gabriella Sardo

Informazioni su Gabriella Sardo 5 Articoli
Laureata in Lettere classiche, insegna italiano e latino ricoprendo la Funzione Strumentale per l’Inclusione e da due anni la funzione strumentale per la Gestione del PTOF; inoltre, è tutor di PCTO occupandosi anche di progetti relativi alla lettura e incontri con gli autori.

Commenta per primo

Lascia un commento